Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

E' UN LECCE CHE TI FERMA IL CUORE: barcolla, gode, perde la testa, soffre e vince. LA CRONACA

Sabato 2 Settembre 2017 | Marco Errico | News

LECCE - Notte indescrivibile al "Via del Mare", dove i giallorossi hanno conquistato la prima vittoria stagionale alla fine di una vera e propria "battaglia": 2-1 il finale sul Trapani, con i gol di Torromino e Di Piazza (FOTO SOPRA L'ESULTANZA FINALE, FOTO SOTTO QUELLA DI DI PIAZZA). Vittoria sofferta, soprattutto dopo che i giallorossi sono rimasti in inferiorità numerica per quasi tutta la ripresa per l'espulsione di Di Piazza, colpevole di un ingenuo fallo di reazione (pugno a un avversario, rischia diverse giornate di stop per squalifica).

La pretattica di Rizzo e qualche guaio - Rizzo, che alla vigilia aveva detto "non cambio nulla, perchè farlo ora"?, cambia eccome, e alla fine esclude Lepore e Marino (scelta tecnica per il capitano, lombosciatalgia improvvisa per il difensore centrale). Vanno in campo Torromino e Drudi. Restano fuori come previsto Pacilli e Costa Ferreira, che si ritaglierà qualche minuto di presenza nel finale. Il tridente è quello delle "meraviglie", con tutti dentro dall'inizio, Caturano, Di Piazza e "Hulk". Calori conferma le scelte anticipate alla vigilia, con gli ultimi "colpi" del mercato in panchina (Palumbo e Evacuo, che subentrerà anche lui nel finale). Il Lecce ha subito una grande occasione, con Cosenza che dopo appena due minuti conclude a lato con un colpo di testa, saltando indisturbato nella difesa siciliana, immobile, sugli sviluppi di un angolo di Torromino.

Paura e vantaggio - E' il Trapani che fa la partita, diventando padrone del campo. Perucchini toglie le castagne dal fuoco su Ferretti al 17' e su Marras cinque minuti dopo, che approfitta di uno svarione tra Cosenza e Drudi e si presenta solo davanti al portiere, che chiude lo specchio in maniera prodigiosa. Il Lecce, stordito, reagisce e prende campo, collezionando solo angoli senza soluzione (7, inutilizzati). Allo scadere l'invenzione di Torromino, che "esplode" un "siluro" da 25 metri, che finisce all'angolino alla sinistra di Furlan.

Raddoppio - Nella ripresa Di Piazza raddoppia (assist pregevole di Arrigoni), ma poi si fa espellere per un fallo di reazione e il Trapani neanche due minuti dopo accorcia le distanze con un rigore realizzato da Murano e concesso per un fallo di mano di Di Matteo. Calori si gioca la carta Evacuo, ma il Lecce resiste senza particolari affanni e nonostante l'inferiorità numerica. Finale con clima pesantissimo, complice l'inadeguatezza completa della direzione di gara di Robilotta, catastrofica.

TABELLINO

LECCE-TRAPANI 2-1

Marcatori: Torromino al 45' + 1' p.t., Di Piazza al 2' s.t., Murano su rigore al 10' s.t.

Lecce (4-3-3): Perucchini; Ciancio, Cosenza, Drudi, Di Matteo; Armellino, Arrigoni, Mancosu (dal 45' + 2' s.t. Costa Ferreira); Di Piazza, Caturano, Torromino (dal 30' s.t. Lepore). (Chironi, Vicino, Riccardi, Pacilli, Valeri, Lezzi, Tsonev, Gambardella). Allenatore Rizzo.

Trapani (4-3-3): Furlan; Fazio, Silvestri, Legittimo, Visconti (dal 35' s.t. Rizzo); Maracchi, Taugourdeau, Girasole (dal 23' s.t. Evacuo); Ferretti (dal 35' s.t. Reginaldo), Murano, Marras (dal 45' + 2' s.t. Minelli). (Pacini, Pagliarulo, Bastoni, Ferrara, Dambros, Steffè, Canino, Palumbo). Allenatore Calori.

Arbitro: Robilotta di Sala Consilina (Mansi-Parrella).

Note: spettatori 8929, di cui 2280 paganti e 6649 abbonati, espulso Di Piazza al 5' s.t. per condotta violenta, allontanati per proteste in momenti distinti il Team Manager del Lecce Vino e il Presidente del Lecce Sticchi Damiani, ammoniti Ferretti, Mancosu, Drudi, Cosenza, Rizzo, recupero 3' p.t., 6' s.t.