Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LECCE, ASCOLTA GIACOMAZZI! "Rosina l'uomo giusto, un dieci che lotta e mette la gamba, un gladiatore estroso"

Martedì 28 Novembre 2017 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Ieri vi abbiamo parlato in anteprima dell'interessamento del Lecce al trequartista della Salernitana Alessandro Rosina (CLICCA QUI PER RILEGGERE I DETTAGLI) e oggi abbiamo subito sentito al telefono un suo ex compagno di squadra, in grado di tratteggiarci al meglio il profilo dell'ex azzurro di Torino e Siena, tra le altre. E proprio a Siena Rosina ha condiviso un'esperienza importante con Guillermo Giacomazzi. Ecco le sue parole per SoloLecce.it.

Grandi caratteristiche - "Quando parli di un numero dieci pensi sempre al calciatore fantasioso e che non ama o sacrificarsi o allenarsi senza pallone, invece Alessandro è un grandissimo professionista, che arriva per primo all'allenamento e va via per ultimo, un perfezionista. Un trequartista atipico che mette la gamba nei contrasti, che sa lottare. Ha dei numeri da fuoriclasse, può risolvere partite da solo, del resto lo ha fatto in Serie A. Se dovesse arrivare a Lecce sarebbe un acquisto eccezionale, in grado di fare la differenza, uno che può entrare senza problemi in uno spogliatoio a stagione in corso per esperienza e serietà".

Messaggi - "Mi auguro che la società sappia operare bene sul mercato, con oculatezza e voglia di rafforzarsi ulteriormente. Seguo con interesse il lavoro di Meluso, lo stimo molto. Spero che i tifosi riescano a stare vicini alla squadra sempre, anche dopo i passaggi a vuoto come quello di Fondi sabato scorso. Il Lecce ha tutte le carte in regola per proseguire sul cammino di campionato che abbiamo visto sino a qui".

Liverani - "Personalmente non avevo mai visto giocare le sue squadre, anche se da ex colleghi avevo avuto grandi referenze su di lui. Non è facile subentrare, mai, ereditare una squadra costruita non per te. Invece Liverani ha trasformato il Lecce, imponendo il suo credo calcistico, formando un gruppo molto combattivo".