Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Qui Cosenza: "LUPI" ARRABBIATI. L'intervista: "non è andata giù la fuga a Lecce di Meluso con mezza squadra"

Domenica 13 Novembre 2016 | Matteo Bottazzo | Ospiti

COSENZA - Per entrare nel "mondo" del Cosenza abbiamo intervistato il collega Antonio Clausi di cosenzachannel.it. Ecco di cosa abbiamo parlato.

Il momento - "Il tecnico Roselli sta attraversando il momento più difficile dal suo arrivo in Calabria. Tra Coppa Italia di Lega Pro e campionato il Cosenza è infatti reduce da 4 sconfitte in 4 partite. Ma non ci sono problemi di identità o di gioco, ma legati a una lunga scia di infortuni ed a qualche episodio sfortunato occorso in diverse gare".

Derby morale - "Sicuramente la piazza non ha digerito l'emigrazione di massa a Lecce e i tanti trasferimenti gestiti dall'ex DS Meluso, che sono andati a impoverire il Cosenza per rinforzare una diretta concorrente dello scorso anno come il Lecce (FOTO SOPRA UN CONTRASTO ARRIGONI-PAPINI, DELLO SCORSO ANNO AL "SAN VITO"). Questa è una partita anche per questo molto sentita dai tifosi, che non hanno neanche dimenticato quella Serie A svanita nel nulla all'ultima giornata della Serie B del 1992 con il gol di Maini, in un Lecce-Cosenza purtroppo diventato storia".

Pericoli - "Statella è il nostro uomo in più in questo momento, la vera anima della squadra, senza dimenticare elementi come Mungo, Gambino, Baclet, che danno ampie garanzie in termini di scelta anche in avanti, offrendo buone alternative"