Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

+++ E' IL TERREMOTO +++ Voti e case popolari, arrestato mezzo Comune di Lecce

Venerdì 7 Settembre 2018 | La Redazione | Cronaca

Risultati immagini per tribunale di lecce foto

LECCE - E' un terremoto giudiziario di proporzioni pazzesche.

L'inchiesta su case popolari in cambio di voti, condotta dalla Procura di Lecce, arriva a una svolta clamorosa che mette in ginocchio la politica leccese, da destra a sinistra.

Arresti domiciliari per gli ex assessori della Giunta Perrone Attilio Monosi e Luca Pasqualini, ma anche per il Consigliere Comunale del PD Antonio Torricelli. Nei guai e ai domiciliari anche il Dirigente Comunale Lillino Gorgoni. Misure interdittive sono state emesse, invece, per mezzo Comune di Lecce: la Procura, in particolare, ha raso al suolo l'Ufficio Casa, abbattuto da decine di misure interdittive.

Gli indagati complessivamente sono 47, l'accusa è pesantissima: associazione a delinquere, finalizzata alla corruzione elettorale.

L'inchiesta è stata condotta dai sostituti procuratori Massimiliano Carducci e Roberta Licci, che da mesi lavorano ad un presunto giro di voti alla base delle assegnazioni degli alloggi popolari fatte senza tenere conto delle graduatorie.

Sono contestati, a vario titolo, anche i reati di abuso d'ufficio, omissione d'atti d'ufficio, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale e invasione di terreni e edifici.

Tra gli indagati condotti in carcere anche due inquilini degli alloggi popolari oggetto delle presunte compravendite di voti.