Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

CHIAREZZA LIVERANI: "Chiricò? Risolvano i diretti interessati, a me serve compattezza. Domani test vero"

Lunedì 6 Agosto 2018 | Marco Errico | News

LECCE - Subito un test probante, "partita vera", come l'ha definita lui: il suo Lecce è chiamato a passare il primo ostacolo di Coppa Italia TIM.

Alla vigilia dell'impegno con la FeralpiSalò di domani sera (gara secca, si gioca alle 20.30 al "Via del Mare", CLICCA QUI PER LA PREVENDITA) abbiamo sentito il tecnico Fabio Liverani, anche su tutti i temi "caldi" dell'ultimo periodo in casa Lecce.

Verifica - "Questa è una partita vera, ne abbiamo bisogno. La condizione non è ottimale, ma anche sotto questo aspetto sarà importante giocarla. Vogliamo onorare la manifestazione, non sarà facile. Affrontiamo una squadra costruita per vincere la C, in questo momento con poche differenze con una neopromossa di B come noi. Del resto l'hanno già dimostrato i risultati di questo fine settimana: passare per le squadre di cadetteria non è una cosa automatica".

Terreno di gioco e mercato - "E' in condizioni precarie per non dire disastrose. Non consente di giocare calcio tecnico o veloce, dovremo adeguarci. Vorrà dire che sarà un modo per valutare le capacità di adattamento dei ragazzi a situazioni non ideali. In ritiro si è lavorato bene, bisogna trasformare in fretta questo gruppo in squadra: ora è arrivato questo tempo. Riteniamo di aver costruito un buon mix di elementi esperti della cadetteria e ragazzi che si sono meritati questo privilegio con un risultato eccezionale ottenuto sul campo e non nelle aule di giustizia sportiva. La rosa è completa al 90%, mancano un difensore centrale e una mezz'ala".

Chiricò - "Sulla questione Chiricò non vorrei addentrarmi più di tanto: è stato chiaro il DS in conferenza stampa. Ora bisogna trovare velocemente la soluzione migliore nell'interesse di tutti, ma questo spetta ai diretti interessati, mi riferisco all'entourage del calciatore, al ragazzo stesso e al Direttore Sportivo. Ora ci vuole buon senso, di sicuro le contestazioni non fanno bene a nessuno e martedì scorso la squadra si è allenata sotto tono, anche se poi tutto è tornato alla normalità. Ma questo gruppo ha bisogno della positività dell'ambiente, della compattezza di tutte le componenti".