Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

L'EDITORIALE. "DESERTO" paganti, tanto i "selfie" e la visita annuale l'abbiamo fatta col Catania: torniamo a guardarci Juventus e Milan

Domenica 4 Febbraio 2018 | La Redazione | Editoriali

LECCE - Poi non venite a raccontarci le favole.

Juventus-Sassuolo davanti alla tv con una bella birra, o un Udinese-Milan che "profuma" di potenziale rilancio europeo per i rossoneri, comodi comodi in poltrona con mogli o fidanzate vale più che la pioggia settimanale (che oggi non c'è) o del freddo del "Via del Mare". Tanto i "selfie" stagionali li abbiamo fatti col Catania, la visita di cortesia una all'anno allo stadio l'abbiamo fatta... Ci rivediamo più avanti...

E già, non ci raccontate favole: Lecce-Catania è stata "spinta" anche dalla mancanza delle "grandi" del calcio italiano, tutte fortunatamente impegnate in orari diversi di quella domenica. "Spinta" dalla classifica, dall'importanza della posta in palio, per un cocktail perfetto che ci ha portato ai quasi 20mila spettatori di due domeniche addietro.

Quattordici giorni dopo il Lecce è sempre primo, con due gare in meno da giocare e con la possibilità concreta di venire via da questo paesaggio infernale di questa maledetta categoria.

Non ce li spieghiamo, non ce li spieghiamo proprio 1514 paganti (di cui 123 catanzaresi nel settore Ospiti...): tutti allo stadio, è l'ora!