Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

"TERRORE" ALLO STADIO: quarto cambio per il Lecce, partita persa? NO, LO SPIEGHIAMO NOI!

Domenica 4 Febbraio 2018 | La Redazione | News

LECCE - Minuto 79 di Lecce-Catanzaro, "terrore" al "Via del Mare", entra Torromino, esce Mancosu. Ma come? E' il 4° cambio! Le "finestre" per i cambi sono tre! Panico anche tra gli addetti ai lavori che non conoscono la normativa federale nei dettagli, persino in Sala Stampa.

Nessun problema, vittoria "blindata" e nessuna possibilità di perdere tre punti pesantissimi a tavolino: la normativa introdotta prima di questo campionato, quella con i cinque cambi in tre "finestre" della partita, parla di cambi da conteggiarsi durante le "interruzioni di gioco", durante la gara in svolgimento. Il Lecce era stato previdente, intelligente e furbo: il primo cambio, quello al 46', il primo minuto del secondo tempo, è avvenuto appunto tra un tempo e l'altro di gioco, quando ancora lo stesso non si ritiene ancora in svolgimento.

Ecco perchè Liverani ha potuto effettuare quattro "giri" di cambi, quello appunto del 46' tra Tabanelli e Tsonev, quello del 58' (doppio) tra Dubickas e Di Piazza e Di Matteo e Legittimo, quello del 73' tra Saraniti e Riccardi e l'ultimo, già citato, tra Mancosu e Torromino, al 79' (FOTO SOPRA LA PANCHINA GIALLOROSSA DOPO L'ULTIMO CAMBIO, CONVINTA E RILASSATA DELLA CORRETTEZZA DELLA DECISIONE, FOTO SOTTO L'USCITA DI MANCOSU).