Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Il Lecce stenta e allora PARLA MELUSO: conferenza stampa importantissima. Qui tutto "LIVE"

Martedì 8 Novembre 2016 | Marco Errico | News

LECCE - Silenzio, Lecce! Parla Mauro Meluso.

Il DS giallorosso torna in conferenza stampa, nel cuore della settimana che porta all'impegno con il "suo" Cosenza, ma anche nel cuore della sua squalifica (non potrà andare in distinta e in panchina neanche domenica sera). Facile dunque pensare che la sua presenza odierna davanti ai taccuini e ai microfoni sia anche legata all'attuale momento di difficoltà del Lecce.

Per questo, nel nostro stile di informazione in tempo reale SoloLecce.it seguirà in diretta, con tutti gli aggiornamenti "LIVE", la conferenza stampa dell'uomo-mercato giallorosso.

CLICCA QUI, DALLE 15, PER AGGIORNARE COSTANTEMENTE QUESTA PAGINA.

La conferenza stampa del Direttore Sportivo del Lecce sta per cominciare, puntualissima. Per l'occasione c'è il "pienone", in Sala Stampa.

Niente paura - "Questo appuntamento era immaginato da tempo, in un certo senso era programmato. Questa è la settimana giusta per tornare a parlare, questo mio ritorno non è solo dovuto al piccolo appannamento nei risultati della squadra, che c'è stato".

Bilancio ok - "Vedendo globalmente il percorso in queste 12 giornate la situazione mi pare particolarmente positiva. Abbiamo avuto un andamento omogeneo, quasi sempre con prestazioni di ottimo livello, con grande applicazione da parte dello staff tecnico e del mister Padalino, che con il suo lavoro ha impresso nella squadra una crescita costante".

Momento - "Il momento attuale può sembrare difficile, ma non lo è. Con il Foggia avremmo meritato di vincere".

Rifondazione - "Dal 1° tempo di Lecce-Altovicentino, il debuto di questo gruppo, al 1° tempo con il Fondi la differenza è stata abissale. In mezzo c'è stata una rifondazione vera e propria, che però è andata gradualmente crescendo. Possiamo guardare al futuro con ottimismo, perchè appunto cresceremo ancora".

Inciampo - "Obiettivamente a Fondi siamo inciampati. Si è visto un Lecce a 2 facce, ma in fondo siamo lì, 2° a 3 punti dalla vetta. Il cammino è lunghissimo".

Scuse - "Ho esagerato contro il Francavilla, sono andato sopra le righe. Gli errori degli arbitri sono tutti in buona fede: sbagliamo tutti, ed io ho esagerato nelle proteste".

Fisiologico ricorso al mercato - "E' fisiologico, che in una squadra nuova per intero ci sia sempre da migliorare. Se ci sarà da farlo ricorrendo al mercato la società non si tirerà mai indietro".

Giudizi - "Sui singoli Ciancio ha personalità da vendere, sono soddisfatto anche di Lepore. Vogliamo che il Lecce sia 1° a maggio, bisogna fare un plauso a questa squadra, che merita per coraggio, applicazione e costanza".

Sempre bene - "Non mi è mai capitato in tante squadre dove sono stato che ci siano state tante partite di fila esprimendo un bel calcio. Noi giochiamo bene, a differenza di chi dopo 4-5-6 giornate poi magari cala o cambia atteggiamento. Noi siamo sempre su uno spartito tecnico, non abbiamo mai steccato una gara".

Tanti elementi validi - "Abbiamo Contessa, che ha giocato poco e si è potuto mettere in mostra solo qualche volta, poi Maimone, Tsonev, Fiordilino, Vutov. La rosa è competitiva".

Portieri - "Bleve, Chironi e Gomis hanno il nostro sostegno, la massima fiducia. Non pensiamo minimamente di cambiare nulla a gennaio, in quel reparto".

Promozione subito - "Puntiamo alla promozione subito, anche quest'anno, nonostante il progetto sia biennale. Per questo se a gennaio ci sarà bisogno di fare interventi nessuno si tirerà indietro. Abbiamo le opportunità per arrivare in fondo, dovremo gestire i momenti di difficoltà".

Matera in Coppa - "A Matera si andrà avanti con il nostro progetto: in Coppa Italia di Lega Pro certamente ci sarà più spazio per chi ha giocato meno, con qualche inserimento dai ragazzi della Berretti. Si gioca per vincere, perchè siamo una società gloriosa, non andiamo a Matera a fare brutte figure".

Fiducia nel reparto offensivo - "Abbiamo 6 attaccanti, che godono della nostra fiducia, come per i portieri. Non è detto che non ci siano interventi sul mercato, ma assolutamente la squadra è già anche attualmente competitiva. Per sostituire Caturano domenica c'è Torromino, c'è Doumbia, anche se Persano è il sostituto naturale".

Constatazioni oggettive - "Abbiamo i 2 attaccanti 1° della classifica cannonieri: iniziamo a guardare le cose oggettivamente, creiamo un ambiente positivo".

Preservare l'entusiasmo - "Sto cercando di portare avanti il messaggio positivo di quanto abbiamo fatto sino ad ora e di preservare l'entusiasmo della piazza. Guai non farsi domande o a non porsi degli obiettivi di miglioramento dei risultati attuali, ma guardiamo anche alle 50 occasioni da rete che abbiamo costruito in 12 partite. Ripeto, non ho mai fatto il capo dell'Area Tecnica di una squadra che ha espresso tanto calcio così a buon livello, di fila. Certo, abbiamo subito troppe reti nei finali di tempo e questo ci deve fare riflettere".

Curiale - "Curiale è stato in Tribuna l'ultima partita esclusivamente perchè invitato da qualche amico. Ha giocato qui, per carità, è ovvio che abbia dei legami. Io l'ho avito a Frosinone, ma la sua presenza a Lecce non era legata a trattative in corso".

Infermeria - "Giosa e Drudi sono in fase di recupero in funzione di un rientro già domenica. Freddi potrebbe giocare domani a Matera in Coppa Italia di Lega Pro, è certamente tra i convocati".

Sfida del cuore - "Non voglio parlare della partita contro il Cosenza".

Bleve e gli errori - "Bleve ha poche responsabilità sui gol di Fondi. L'errore è quello sull'espulsione, che poteva costare carissima. Ma ci può stare dopo le sue ottime prestazioni recenti".

Classifica - "La classifica attuale rispecchia pienamente i valori della vigilia: ci sono 4 candidate alla B, sono tutte davanti".

LA CONFERENZA STAMPA E' TERMINATA. GRAZIE PER AVERCI SEGUITO IN 3MILA! GRAZIE!