Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LECCE, SEI SECONDO. A Matera arrivano sbadigli e la matematica. La cronaca

Sabato 15 Aprile 2017 | Marco Errico | News

MATERA - Con una prova complessivamente poco convincente il Lecce riesce a strappare comunque un pareggio a Matera, che consente la matematica certezza dell'arrivo al secondo posto in classifica. Rimandata anche la festa del Foggia, che ha assaporato la B aritmetica per alcuni minuti, prima del pari del Lecce al "XXI Settembre", con una botta da fuori del solito Costa Ferreira (FOTO SOPRA).

Marconi dentro - Lecce quasi in formazione tipo, a parte Marconi al centro dell'attacco per Caturano e Fiordilino play per Arrigoni. Avvio a ritmi amichevoli, poi la partita si "accende". Ci prova Tsonev, conclusione lenta e centrale. Sembra un segnale positivo, invece resterà l'unico tiro del Lecce di tutto il primo tempo. Quasi scosso dalla conclusione del bulgaro il Matera comincia a prendere campo e al 14' Negro impegna Perucchini con una conclusione velenosa.

Matera avanti - E' la prova generale del gol dell'attaccante salentino, che colpisce ancora (con il "suo" Lecce capita spesso...) al minuto 27, quando disorienta Giosa e Fiordilino, messi a sedere, e infila la porta giallorossa con un diagonale dal basso verso l'alto di ottima fattura, che finisce all'angolino sinistro di Perucchini, che non può arrivarci (FOTO SOTTO). A due minuti dal termine della prima frazione di gara Padalino lascia i suoi senza tecnico: protesta troppo e viene allontanato dall'arbitro.

Pareggio in "salsa" portoghese - Nella ripresa c'è Torromino per Doumbia, ma l'apporto dell'ex crotonese sarà nullo. Il Lecce resta anche in dieci, dopo appena 5 minuti, per l'espulsione di Cosenza (fallo violento su Strambelli, rischia anche più di due giornate di squalifica). I collaboratori di Padalino ridisegnano il Lecce con il 4-3-2, Lepore arretra in difesa e Ciancio fa il centrale. Il Lecce ha il sussulto giusto al 20', quando Costa Ferreira con un fendente da fuori pareggia "pescando" l'angolino dove Tozzo non può arrivare. Nel finale entrano anche Caturano e Maimone, il Lecce si sistema con un prudentissimo 3-5-1, che il Matera non riesce a scardinare nonostante una serie di angoli infinita e alcune prodezze di Perucchini, che nel finale con un paio di parate salva il risultato.

TABELLINO

MATERA-LECCE 1-1

Marcatori: Negro al 28' p.t., Costa Ferreira al 20' s.t.

Matera (3-4-3): Tozzo; Ingrosso, De Franco, Mattera; Di Lorenzo, De Rose, Armellino (dal 17' s.t. Salandria); Strambelli (dal 33' s.t. Sartone), Negro, Carretta (dal 38' s.t. Infantino). (D'Egidio, Bertoncini, Iannini, Didiba, Dammarco, Biscarini, Gigli, Lanini). Allenatore Auteri.

Lecce (4-3-3): Perucchini; Ciancio, Cosenza, Giosa, Vitofrancesco; Costa Ferreira, Fiordilino, Tsonev (dal 19' s.t. Caturano); Lepore, Marconi (dal 30' s.t. Maimone), Doumbia (dal 1' s.t. Torromino). (Bleve, Chironi, Agostinone, Arrigoni, Pacilli, Drudi, Monaco, Muci, Mengoli). Allenatore Padalino.

Arbitro: Perotti di Legnano (Diomaiuta-Fabbro).

Note: allontanato dal terreno di gioco Padalino al 43' p.t. per proteste reiterate, espulso Cosenza al 5' s.t. per condotta violenta, ammoniti Fiordilino, Giosa, De Rose, recupero 1' p.t., 4' s.t.