Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

PUNTATA 1 - Le sette "sorelle" della Serie C. Ecco la JUVE STABIA, una "grande" piena di guai. La situazione

Venerdì 18 Agosto 2017 | Matteo Bottazzo | News

CASTELLAMMARE DI STABIA - Un tecnico alla prima panchina, una società in forte ridimensionamento, un paio di mesi senza stadio.

Inizia tra le difficoltà, la stagione di transizione della Juve Stabia, nell'ultimo biennio tra le protagoniste della Lega Pro e in questa stagione comunque inserita tra le "grandi" da noi di SoloLecce.it, che dalle "vespe" campane abbiamo voluto iniziare il nostro viaggio a puntate tra le sei "sorelle" del campionato, ossia tra le potenziali avversarie del Lecce nella corsa alla Serie B diretta.

In panchina l'ex Lecce Fabio Caserta, al debutto alla guida tecnica di una squadra di Serie C.

Un mercato abbastanza anonimo, con l'arrivo di Berardi dalla "Primavera" del Torino. Sono partiti Ripa, Liviero, Capodaglio, sono rimasti Mastalli, Lisi e Cancellotti, che rappresentano la "ossatura" della formazione gialloblù, che nelle prime tre giornate di campionato giocherà due volte in trasferta e una sarà a riposo, su richiesta specifica, per ridurre al minimo la indisponibilità dello stadio "Menti", che sta abbandonando il sintetico per tornare all'erba naturale. Ad ottobre la squadra dovrebbe giocare a Caserta, sino al ritorno a casa a terreno di gioco pronto.

In avanti Paponi guiderà il reparto, mentre in mezzo si resta ben competitivi, con Matute in regia, con Mastalli e Viola. Difesa con Redolfi e Atanasov candidati a partire titolari come coppia centrale e Nava e Dentice sulle corsie.

Domani scopriremo un'altra avversaria del nostro Lecce.