Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

RIZZO CERCA ATTENUANTI: "condannati dagli episodi, ci abbiamo messo del nostro, ma anche l'arbitro..."

Sabato 12 Agosto 2017 | La Redazione | News

PORDENONE - Scuro in volto, abbastanza "tirato", Roberto Rizzo si presenta in Sala Stampa con qualche attenuante per il suo Lecce. Ecco la nostra intervista (FOTO SOPRA A FINE GARA A PORDENONE).

Peccato, ma episodi dubbi - "Peccato perchè la partita sul 2-0 sembrava congelata ed è stata riaperta da un episodio. Noi ci abbiamo messo del nostro, calando, ma ci abbiamo messo del nostro noi e qualcosa anche l'arbitro... Sono accaduti diversi episodi dubbi".

Tenuta - "Sino a che teniamo non abbiamo grandi problemi, poi caliamo ancora troppo alla distanza. C'è da dire comunque che c'è stata reazione sino all'ultimo, anche dopo i gol subiti. Sono sufficientemente soddisfatto".

Ancora da lavorare - "Certo, c'è ancora da lavorare. Questa settimana abbiamo spinto molto sulla preparazione e questo fatto ha certamente inciso sul finale in calo, quando abbiamo perso l'ordine e la cura con cui stavamo giocando".

Attacco con ampie scelte - "Di Piazza ha fatto bene? Certo, ma anche gli altri mi sono piaciuti. Abbiamo tanti attaccanti, diversi per caratteristiche. Anche Caturano ha avuto buone occasioni, ha preso un palo e poi è stato sfortunato sulla ribattuta. Andiamo in porta con continuità, questo conta".

Costruiti per vincere - "Questa stagione non fa eccezione, come quelle precedenti: il Lecce è una squadra costruita per vincere, per ambire alla vittoria del campionato. Credo che partiamo da una buona base tecnica, con degli innesti assolutamente importanti che sono arrivati dal mercato grazie allo sforzo della società".

Ricordo - "Dieci anni fa moriva un vostro collega giornalista leccese, Sergio Vantaggiato, mi fa piacere ricordarlo. E' un anniversario triste, a Sergio va il saluto e il pensiero di tutta la squadra".