Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

"INCENDIO" di entusiasmo, LIVERANI FRENA: "ora non ci esaltiamo, ma Falco è da Nazionale"

Lunedì 3 Febbraio 2020 | Marco Errico | News

LECCE - Il "solito" Fabio Liverani, capace di tenere basse le euforie giallorosse dopo la vittoria con il Torino.

E' quello che si è percepito distintamente dalle sue parole al termine di Lecce-Torino. Noi le abbiamo riordinate per voi.

Niente esaltazioni - "Non mi esalto dopo una vittoria, come non mi butto a terra dopo un ko. So quale sarà la nostra strada, lo ripeto da tempo, lavoriamo per restare nel gruppo".

Superiorità tecnica e tattica - "Sono qui dalla C, quando siamo andati in B abbiamo avuto bisogno di calciatori di B, quando siamo arrivati in A avevamo bisogno di calciatori da massima categoria. Per questo una squadra di calcio ha due opportunità: o ha alle spalle un magnate, un imprenditore capace di sperperare risorse, oppure ti migliori piano piano, arricchendo la squadra. Da novembre a fine gennaio abbiamo fatto molta fatica, con un un numero circoscritto di calciatori e qualcosa che ci mancava per questi palcoscenici".

Barak - "Forte fisicamente, conoscitore della categoria, ben inserito. Ma senza gli altri dieci compagni non vinceva... Viene prima il gruppo. Comunque abbiamo preso tre elementi straordinari, secondo me, che si stanno facendo strada in un gruppo unico, sano, senza invidie o problematiche. Viviamo tutti positivi, chi gioca meno e chi gioca più sa che sta contribuendo a qualcosa di eccezionale, se accadrà...".

Falco - "Da Nazionale. Da un anno e mezzo a questa parte è diventato un calciatore superiore, sta crescendo in maniera esponenziale, meglio e più di altri, a velocità più elevata. Come fanno solo i grandi".

Saponara - "Le sue qualità devo ricordarle io? Ha una tecnica importante, tatticamente sa cosa fare, è un calciatore che anche senza due, tre mesi in questo gruppo sa già che situazione puoi richiedergli, quale sviluppo avrà il gioco. In altre parole è un elemento di categoria, anzi mi dispiace che dopo aver toccato l'apice arrivando meritatamente al Milan si sia un po' perso con qualche campionato con poche presenze".