Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

IL TEMA. Lecce, una porta senza pace. Troppi anni senza un PORTIERE FISSO

Lunedì 9 Gennaio 2017 | Marco Errico | News

LECCE - Non c'è pace per i portieri in casa Lecce.

Dopo anni in cui il ruolo dell'estremo difensore ha fatto "storia" a Lecce (da Terraneo a Lorieri, passando per Gatta, Nardin, Negretti, Pionetti, Generoso Rossi, Sicignano, Chimenti, Rosati e tanti altri, o miti del passato, come Tarabocchia), nelle ultime stagioni i portieri giallorossi non hanno mai avuto fortuna.

Quello del campionato in corso è solo l'ultimo caso eclatante, con il dualismo Gomis-Bleve ad alternarsi in porta, entrambi senza convincere, tanto che è imminente l'ufficializzazione del ritorno di Perucchini.

E' una sorta di maledizione, iniziata nella stagione 2013/2014, con la staffetta Perucchini-Caglioni. L'anno dopo si riparte con Caglioni e si pensa di aver trovato un padrone della porta, ma non è così: la società è costretta a far arrivare Scuffia a gennaio (FOTO SOTTO), viste le deludenti e altalenanti prestazioni del portiere campano. La stagione scorsa Benassi dura 1 partita (FOTO SOPRA, Lecce-Fidelis Andria), poi sparisce dai radar e va in porta Perucchini, alternandosi nel finale di stagione anche con Bleve.

Più che una porta una porta... girevole.