Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

FURIA SARANITI per far fuori il Catanzaro: tris servito, la capolista va. LA CRONACA

Domenica 4 Febbraio 2018 | Marco Errico | News

LECCE - Un altro 3-1, come quello dell'andata in Calabria, per piegare il Catanzaro e continuare la corsa in vetta alla classifica. Il Lecce allunga così la sua serie positiva a 20 gare senza sconfitte, 19 con Liverani in panchina, con Saraniti decisivo per l'1-0 e per l'autorete del 2-1 (FOTO SOPRA) che spiana la strada al successo giallorosso. Poi ci pensa Mancosu a mettere i tre punti in cassaforte con un tocco da biliardo.

Novità - Liverani non perde tempo e getta nella mischia Saraniti e Tabanelli, come vi aveva anticipato SoloLecce.it, ma ci "beffa" con una sorpresa, Dubickas riconfermato dal primo minuto (sempre fuori Di Piazza). L'attaccante ex Francavilla ricambia subito con un gol, firmando con un perfetto colpo di testa il vantaggio del Lecce dopo appena 12 minuti (assist di Lepore dalla destra).

Pareggio e problemi - Per il Lecce la partita si dovrebbe fare in discesa, ma la manovra non decolla e forse il turn over di Liverani si rivela troppo robusto. Il Catanzaro prende campo, sfiora il pari al 16' con Letizia (punizione di poco alta sulla traversa) e trova il momentaneo 1-1 sempre con Letizia, al 26', che si "beve" un disorientato Marino dopo aver saltato Mancosu e trafigge Perucchini con un preciso diagonale rasoterra.

Doppietta-svolta - Nella ripresa entra Tsonev per Tabanelli, ma la musica non cambia. Al 10' però il Lecce passa lo stesso, con una sciagurata autorete di Di Nunzio che infila in porta un cross di Saraniti. Liverani prova a chiuderla inserendo Di Piazza, ma il gol della sicurezza lo firma Mancosu prima della mezz'ora, con un tocco preciso all'angolino su assist di Tsonev, questa volta positivo a gara in corso.

TABELLINO

LECCE - CATANZARO 3-1

Marcatori: Saraniti all'11' p.t., Letizia al 26' p.t., Di Nunzio (autorete) al 10' s.t., Mancosu al 25' s.t.

Lecce (4-3-1-2): Perucchini; Lepore, Cosenza, Marino, Di Matteo (dal 13' s.t. Legittimo); Mancosu (dal 37' s.t. Torromino), Arrigoni, Armellino; Tabanelli (dal 1' s.t. Tsonev); Dubickas (dal 13' s.t. Di Piazza), Saraniti (dal 29' s.t. Riccardi). (Chironi, Vicino, Valeri, Megelaitis, Ciancio, Gambardella, Persano). Allenatore Liverani.

Catanzaro (3-4-1-2): Nordi; De Giorgi (dal 31' s.t. Falcone), Di Nunzio, Sabato; Zanini (dal 24' s.t. Gamberetti), Onescu, Maita, Sepe (dal 16' s.t. Nicoletti); Spighi (dal 24' s.t. Cunzi); Infantino (dal 31' s.t. Corado), Letizia. (Marcantognini, Cason, Van Ransbeeck, Gamberetti, Riggio, Badjie, Furina, Valotti). Allenatore Dionigi.

Arbitro: Proietti di Terni (Badoer-Tribelli).

Note: spettatori 9274, di cui 2332 paganti e 6942 abbonati, ammoniti Cosenza, Onescu, Sabato, Armellino, angoli 3-2, recupero 0' p.t., 4' s.t.