Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

ANTEPRIMA SoloLecce.it: MAZZATA BLEVE. Rischia 2 giornate e diffida. ECCO PERCHE'

Lunedì 7 Novembre 2016 | La Redazione | News

LECCE - Rischia di compromettere un campionato condotto anche con prestazioni di rilievo e salvataggi importanti, Marco Bleve, che non dimenticherà la spedizione disastrosa del Lecce a Fondi (FOTO SOPRA, L'ESPULSIONE).

Bleve, secondo la nostra anteprima che mai come in questo caso vorremmo sbagliare, rischia lo stop per 2 giornate, con diffida ulteriore, e non la normale squalifica di 1 turno. Sta tutto nelle mani e nella benevolenza del Giudice Sportivo della Lega Pro.

Questo traspare dalla lettura dell'episodio-chiave di Fondi-Lecce: ripercorriamolo insieme, accertato in premessa che tutte le scelte tecnico-disciplinari portate avanti nella circostanza dall'arbitro Robilotta di Sala Consilina sono state perfette (CLICCA QUI SE VUOI VEDERE LA VIDEO-SINTESI DELLA PARTITA).

Siamo al minuto 83': rapidissimo capovolgimento di fronte con Calderini lanciato in porta, seppure defilato nei pressi del vertice sinistro dell'area di rigore giallorossa. Bleve, alla disperata, travolge l'avversario con un "grave fallo di gioco" (definizione dal regolamento del gioco del calcio), e non con un normale fallo, ma con un'entrata aderente al limite della "condotta violenta" (che codifica nello stesso regolamento pene più severe). Un fallo da mandare Calderini all'ospedale, praticamente, e non importa che l'attaccante avversario riesca ad effettuare il pallonetto verso la porta che finisce fuori di un soffio.

In ogni evento successivo, praticamente, gol o non gol, Bleve sarebbe stato espulso comunque, lasciando il Lecce senza portiere in ogni caso. Il suo fallo non è codificabile come "DOGSO", nella dicitura coniata proprio quest'anno dal board internazionale che ha rivisto il regolamento ("Denying Obvious Goal Scoring Opportunity", la vecchia definizione era "negare una chiara ocasione da rete"), ma come un "grave fallo di gioco", che poteva minare l'incolumità del calciatore avversario. 2 giornate, o più, a seconda della sensibilità del Giudice Sportivo, estremamente punitivo in tempi recenti in termini di repressione del gioco violento.

Bleve dunque potrebbe incorrere in questo tipo di squalifica, a seconda della lettura del Giudice. Squalifica che si sommerà comunque alla diffida per cumulo di ammonizioni, per averne rimediata un'altra, nel 1° tempo, per "ritardata ripresa del gioco": un giallo che va conteggiato distintamente.

Ecco in sostanza la casistica a cui va in contro il portiere del Lecce:

Interpretazione del fallo Conseguenze disciplinari
Condotta violenta 2 o più giornate di squalifica, più diffida
Grave fallo di gioco 2 giornate di squalifica, più diffida
"DOGSO" 1 giornata di squalifica, più diffida