Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LO MONACO CHI? L'extra-terrestre DI Piazza risponde a Lodi, Lecce a +4. LA CRONACA

Domenica 21 Gennaio 2018 | Marco Errico | News

LECCE - Finisce 1-1 la super-sfida tra Lecce e Catania. Di Piazza risponde a Lodi (FOTO SOPRA E SOTTO I DUE GOL), lasciando a +4 il Lecce davanti ai siciliani in classifica.

Tridente - Liverani manda in campo la formazione attesa alla vigilia, con Caturano e Torromino che vincono la "volata" su Di Piazza per una maglia davanti, con Costa Ferreira trequartista. Lucarelli, squalificato, mette da parte il collaudato 3-5-2 e ricorre al 4-3-3 con Caccavallo e Di Grazia sulle corsie esterne e Curiale al centro dell'attacco. L'inizio del Lecce è promettente, un paio di traversoni in area mettono subito in affanno la difesa ospite, ma il primo vero brivido lo fa correre il Catania con un tiro di Caccavallo che dopo una deviazione di un difensore del Lecce si impenna finendo per cadere poco sopra la traversa.

Gelo - Con il passare dei minuti il Catania prende campo e al 19' passa: Lecce scoperto su una ripartenza, Di Grazia va alla conclusione che Perucchini non trattiene. Sulla sfera si avventa Mazzarani, atterrato a pochi metri dalla porta. Rigore ineccepibile, che Lodi realizza battendo centrale con freddezza. La reazione del Lecce è praticamente inconsistente, c'è Costa Ferreira in giornata negativa che non riesce ad innescare mai le punte, poco precise anche quando ricevono da altri compagni. Il Catania si chiude a riccio, il 4-3-3 diventa 4-5-1, il Lecce "sbatte" contro l'organizzazione difensiva e la compattezza degli avversari. Si va al riposo con i nervi a fior di pelle per una zuffa all'imbocco del sottopassaggio. Tutto gioca a favore dell'esperto Catania.

Pareggio "pesante" - In avvio di ripresa il Lecce reclama un rigore (contatto in area tra Marchese e Caturano): la maglia del bomber siciliano si allunga in maniera vistosa, ma l'arbitro lascia correre. Poi Liverani inserisce Tsonev e Di Piazza per Costa Ferreira e Torromino. La partita si accende, Curiale sfiora il raddoppio con un diagonale fuori di un soffio, dopo aver rifilato una leggera testata a gioco fermo a Cosenza (ci poteva stare il rosso diretto per condotta violenta). Non passa neanche un minuto e il Lecce pareggia: Mancosu "pesca" Di Piazza nello spazio lanciato in campo aperto, saltato Bogdan di netto e diagonale su Pisseri in uscita per il pareggio giallorosso. Nel finale Catania molto stanco, Lecce che prova anche a vincerla, senza molta convinzione o voglia di scoprirsi più di tanto. Finisce con un giusto 1-1.

TABELLINO

LECCE - CATANIA 1-1

Marcatori: Lodi (su rigore) al 19' p.t., Di Piazza al 21' s.t.

Lecce (4-3-1-2): Perucchini; Lepore, Cosenza, Riccardi, Di Matteo; Armellino, Arrigoni (dal 45' + 4' s.t. Marino), Mancosu; Costa Ferreira (dal 13' s.t. Tsonev); Caturano (dal 31' s.t. Dubickas), Torromino (dal 13' s.t. Di Piazza). (Chironi, Vicino, Valeri, Megelaitis, Ciancio, Gambardella, Persano, Legittimo). Allenatore Liverani.

Catania (4-3-3): Pisseri; Aya, Tedeschi, Bogdan, Marchese; Caccetta, Lodi, Mazzarani (dal 23' s.t. Rizzo); Caccavallo (dal 23' s.t. Russotto), Curiale (Ripa dal 35' s.t.), Di Grazia (dal 36' s.t. Semenzato). (Martinez, Blondett, Bucolo, Fornito, Manneh, Esposito, Lovric). Allenatori Vanigli e Conticchio.

Arbitro: Maggioni di Lecco (Cecchi-Vono).

Note: spettatori 16838, record stagionale, di cui 9896 paganti e 6942 abbonati, allontanato dalla panchina il DS del Lecce Meluso al 20' s.t. per proteste reiterate, ammoniti Aya, Pisseri, Curiale, Cosenza, Di Piazza, angoli 11-4, recupero 1' p.t., 4' s.t.