Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Tesoro gli voleva vendere il Lecce: JOSEPH CALA ARRESTATO ALLA STAZIONE, con 6mila Euro false

Giovedì 20 Ottobre 2016 | La Redazione | News

BOLOGNA - La Polizia Ferroviaria della Stazione di Bologna ha arrestato l'ex azionista della Salernitana e del Lecco Joseph Cala, pretendente anche del Lecce al momento della messa in vendita della società da parte dei Tesoro.

L'imprenditore italo-americano è stato trovato in possesso di 6mila Euro false (tutte con lo stesso numero di serie).

Cala, prima di finire in trattativa per acquistare il Lecce (dichiarazioni dello stesso Savino Tesoro del 12 febbraio 2015) aveva già avuto esperienze fallimentari nel calcio italiano con Lecco e Salernitana. Il concretizzarsi della nascente cordata salentina guidata da Enrico Tundo e Saverio Sticchi Damiani impedì a Cala di scalare la proprietà del Lecce.

L'operazione della Questura di Bologna è scatata dopo la segnalazione di una barista a cui Cala voleva rifilare 100 Euro false, pagando un caffè, prendendo invece il resto buono, al bar della stazione ferroviaria (foto dei colleghi di salernogranata.it).